Renewable Energy – Law Solutions

Quarto Conto Energia approvato in CDM

Lascia un commento

Dopo il parere consultivo del Consigli dei Ministri di ieri, il Quarto Conto Energia, che ridefinisce il sistema degli incentivi agli impianti fotovoltaici, è stato firmato ieri dai Ministri dello Sviluppo Economico (Paolo Romani) e dell’Ambiente (Stefania Prestigiacomo).

Nel nuovo testo, purtroppo non c’è traccia della proroga al 31 Agosto 2011 della vigenza del Terzo Conto Energia che in qualche in modo avrebbe fatto salvi gli investimenti pianificati sulla base del suddetto decreto già nel 2010. Tale proroga era stata annunciata sia dal Ministro Stefania Prestigiacomo che dal Sottosegretaria Saglia ma nella bozza che circola in questi giorni, sempre che non venga ulteriormente modificata, in attesa di trasformarsi in decreto all’art. 1 si prevede che “Il presente decreto si applica agli impianti fotovoltaici che entrano in esercizio in data successiva al 31 maggio 2011 e fino al 31 dicembre 2016”. Di guisa che le tariffe del Terzo Conto Energia saranno fruibili dagli impianti che entreranno in esercizio entro il 31 maggio 2011.

Altro tema su cui si è molto dibattuto e che ha rappresentato un punto di rottura, poi sanata, tra Romani e Prestigiacomo riguarda la tempistica di erogazione dell’incentivo.

Secondo i tecnici del Ministero dell’Ambiente lo stesso avrebbe dovuto coincidere con il momento in cui, completato l’impianto, si procede alla richiesta di allacciamento al gestore di rete; secondo, invece, i rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico, la tariffa andrebbe erogata solo dal momento dell’entrata in esercizio dell’impianto.

La soluzione? La tariffa sarà erogata solo a partire da questa ultima ipotesi ovvero entrato in esercizio l’impianto con una precisazione. Se infatti il gestore di rete ritardasse l’allacciamento dell’impianto alla rete, sforando i tempi previsti dalla delibera dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas ARG/elt 99/08 e facendo perdere il diritto a una determinata tariffa incentivante, il proprietario dell’impianto riceverà un indennizzo ai sensi della delibera ARG/elt 181/10.

Riportiamo alcuni dei numeri del Quarto Conto Energia, sono previsti:

• un obiettivo nazionale di potenza installata di circa 23.000 MW;
• uno stanziamento indicativo di 6 – 7 miliardi di euro all’anno per gli incentivi;
• tetti di spesa semestrali fino al 2012 e introduzione del modello tedesco dal 2013;
• per i “piccoli impianti” (fino a 1 MW se installati su edifici e fino 200 kW se a terra) non è previsto alcun tetto di spesa;
• premio di 5 €cent/kWh per la rimozione dell’amianto;
• premio del 10% per chi installa pannelli fotovoltaici italiani o europei.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...